Giovanni Tommasi Ferroni
nel suo studio di Roma
(foto di Stefano Baroni)